Taranto: la Lega vara il nuovo direttivo provinciale

Condividi questo articolo:

Radicamento e ascolto del territorio al centro dell’attività”

“Al via un nuovo percorso all’interno della Lega in provincia ionica con la nomina provvisoria del direttivo provinciale.

Nei giorni scorsi, infatti, il coordinatore provinciale Luigi Laterza, sentito il consigliere regionale Giacomo Conserva e il coordinatore regionale Sen. Roberto Marti, ha provveduto alla designazione dei componenti del nuovo direttivo, nell’attesa dell’elezione che avverrà con la fase congressuale che si terrà in tutte le provincie pugliesi entro la fine dell’anno. Il direttivo sarà composto da Giacomo Conserva, Luigi Laterza, Francesco Battista, Domenico Gigante, Chiara Caniglia, Giuseppe Lessa, Iolanda Pella, Giuliano Neglia, Stefano Liuzzi, Francesco Ferretti, Raffaele Calabrese e Jerry Potenza.

Un insieme di consiglieri comunali, ex amministratori locali di lunga esperienza, militanti, professionisti ed esponenti della società civile tutti con l’unico obiettivo di promuovere il progetto politico del leader della Lega e Vicepresidente del Consiglio nonché Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini”. Così in una nota della federazione provinciale di Taranto della Lega.

“L’organismo collegiale – continua la nota – in quanto organo esecutivo e di gestione avrà il compito di programmare e attuare l’azione politica del partito, sostenere iniziative di radicamento sul territorio, ascoltare le istanze dei cittadini e cercare di proporre soluzioni alle tante criticità della provincia ionica.

La scelta di varare il nuovo direttivo provinciale rappresenta il segnale concreto della vitalità del partito oltre che la volontà di costruire e formare una struttura politica competente, determinata e sempre più vicina alle nostre comunità. Nelle prossime settimane, invece, al fine di completare l’organigramma e garantire una maggiore rappresentatività in tutti i territori, saranno designati i commissari cittadini nei vari Comuni ionici attualmente privi di riferimenti”.