Discarica Vergine, Perrini (FdI): ho riacceso l’attenzione sul sito.

Condividi questo articolo:

FATTI MOLTI LAVORI, MA ANCORA NON BASTA

“Finalmente oggi pomeriggio in Regione si è tornato a parlare della discarica Vergine di Lizzano. Era da un po’ calato il sipario su una delle bombe ecologiche più pericolose della Puglia, per questo ho chiesto l’audizione delle parti interessate ai lavori di messa in sicurezza e bonifica per capire a che punto fossero.

“Il dirigente della Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifica della Regione Puglia, Giovanni Scannicchio, ha elencato tutta una serie di interventi svolti dei quali, francamente, pochi erano a conoscenza. Abbiamo anche avuto garanzie che la situazione sia costantemente monitorata dall’Arpa e che è probabile vi sia un cedimento di una vasca, ma per verificarlo bisognerebbe raggiungere direttamente la discarica, ma quando non ci saranno più rifiuti.

“Non sfugge a nessuno che stiamo parlando di una discarica ancora sotto sequestro e, quindi, ancora con i fari della magistratura accesi su di essa e che quindi tutte le operazioni richiedono sempre l’autorizzazione, ma mettere in sicurezza il sito deve essere sentita dall’assessorato all’Ambiente come priorità. Ho chiesto all’ing. Scannicchio di mettere a disposizione della Commissione tutta la documentazione e all’assessore Anna Grazia Maraschio la possibilità di effettuare un sopralluogo per verificare di persona lo stato dei lavori.”

Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)