E’ partito anche nel comune di Crispiano il Programma di screening per la Prevenzione Cardiovascolare e di Salute Respiratoria, attivato dal Dipartimento di Prevenzione della Asl di Taranto. Le lettere saranno consegnate a uomini e donne di età compresa tra i 40 e i 60 anni. Tale programma era partito nel 2015 ed era rivolto solo ai residenti nei quartieri Tamburi, Borgo e Paolo VI di Taranto e ai residenti nel comune di Statte, comunità che vivono maggiormente le emergenze ambientali e sanitarie. Nel mese di settembre avevo chiesto di allargare lo screening anche per i residenti nel comune di Crispiano e la Asl aveva accolto positivamente la mia richiesta predisponendo con rapidità tutti gli atti necessari.

 

Come si svolgerà lo screening

All’interno del vecchio Poliambulatorio sito nel comune di Crispiano, verrà sottoposto ai residenti coinvolti nello screening un questionario con domande su stile di vita, peso, altezza, massa corporea, malattie contratte. Le persone coinvolte potranno poi controllare la glicemia, il colesterolo, la pressione arteriosa, e si sottoporranno alla Spirometria. All’esito di queste visite, qualora ci dovessero essere parametri “non in linea”, verranno predisposti degli approfondimenti di tipo cardiologico o di tipo pneumologico, da effettuarsi nelle strutture sanitarie e ospedaliere di Taranto. Qualora le anomalie emerse dalle indagini di screening dovessero riguardare solo il peso, sarà possibile anche effettuare una visita con un nutrizionista o con una psicologa della Asl. L’aspetto che io ritengo significativo è che tutte queste attività sono esentate dal pagamento del ticket e quindi totalmente gratuite. Un risultato importante per il mio territorio e in linea con il mio obiettivo principale, combattere per la sanità locale e per migliorarne i servizi.

 

 

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

© Copyright 2016 | Tutti i diritti riservati | Blufree

Questo giornale telematico è diffuso ai sensi della Legge 62/2001 e in ossequio alla sentenza 23230/2012 della Corte di Cassazione, III sezione penale