Convocare con urgenza i sindacati e tentare la strada, così come richiesto dai lavoratori delle mense ospedaliere, dell’internalizzazione del personale, che assicurerebbe un servizio migliore agli utenti, garanzie occupazionali e risparmi per le casse pubbliche. E’ quanto ho chiesto in un’interrogazione che ho depositato martedì in Regione.

La scorsa settimana si sono riuniti i lavoratori delle mense ospedaliere dell’Asl di Taranto dopo aver appreso i contenuti del “documento della consultazione preliminare di mercato” pubblicato da Innova Puglia spa, società incaricata dalla Regione Puglia ad organizzare l’appalto unico per le cucine ospedaliere. I lavoratori non condividono le scelte che la Regione Puglia si appresta a compiere e lamentano una contraddizione in merito agli impegni assunti dagli esponenti politici e tecnici della Regione Puglia. Gli operatori delle mense ospedaliere non condividono la facoltà lasciata ai concorrenti di scegliere se utilizzare i centri cottura agibili e di scegliere la tipologia di cottura. In particolare con riferimento all’Asl di Taranto appaiono per i lavoratori “incomprensibili” le ragioni per cui ben tre centri cottura interni (Grottaglie, Martina Franca e Taranto) vengano dichiarati “inagibili”, nonostante siano tutt’ora in uso e siano stati, addirittura, ristrutturati solo pochi anni fa con interventi di adeguamento e messa a norma, interventi che hanno richiesto un importante intervento economico. Trattandosi poi di gara regionale il problema non è limitato solo alla provincia di Taranto ma è un problema regionale che coinvolge circa 2.500 famiglie, che rischiano il posto di lavoro o la riduzione degli orari, pur lavorando da circa trent’anni. Ecco che urge un nuovo incontro affinchè quantomeno venga riaperto il dialogo.

                

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

© Copyright 2016 | Tutti i diritti riservati | Blufree

Questo giornale telematico è diffuso ai sensi della Legge 62/2001 e in ossequio alla sentenza 23230/2012 della Corte di Cassazione, III sezione penale