L’annuale evento cittadino si terrà nel Duomo di San Cataldo-

Si terrà l’11 novembre, nella Cattedrale di San Cataldo, l’annuale concerto pro Terra Santa organizzato dalla Sezione Taranto-Jonio dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, Delegazione di Taranto.

Un appuntamento prestigioso diventato una tradizione per la città e il territorio della Sezione (da Castellaneta a Oria) per la doppia valenza artistica e di concreta attenzione alle esigenze della Chiesa cattolica nella terra di Gesù.

Il ricavato delle offerte, infatti, ogni anno viene inviato alle opere cattoliche di Terra Santa -  ovvero scuole, ospedali, chiese, ecc. – che non avrebbero, altrimenti, altre provvidenze. Ed è per questo che la Sezione Taranto-Jonio, guidata con grande cura dal Cav. di Gran Croce, dott. Baldassarre Cimmarrusti, s’impegna nell’organizzazione di un concerto ogni anno sempre nuovo e prestigioso.

Quest’anno, per i tantissimi appassionati, si darà grande spazio alla  tradizione italiana dell’opera lirica. Tre i protagonisti: il tenore Domingo Stasi, tarantino, che ha studiato a Milano, ha partecipato a migliaia di rappresentazioni prima con la Giovane Compagnia di Operetta di Corrado Abbati, poi come interprete di melodrammi in Italia e in mezzo mondo;  il soprano Angela Manolio, di Policoro, laureata in canto lirico al Conservatorio “Paisiello” con la guida del maestro Stragapede, e che ora prosegue gli studi al “Santa Cecilia” di Roma col m° Alessandro Valentini;  e il maestro Massimiliano Picuno, brillante pianista, tarantino, che ha studiato con Victor Merzhanov e Sergio Fiorentino al “Piccinni”, poi si è specializzato in accompagnamento. Attualmente è docente del nostro “Paisiello”.

Affascinante, e di gran richiamo, il repertorio. Si va dalla Cavalleria Rusticana (Ave Maria) di Mascagni, a Giacomo Puccini con Boheme (O soave fanciulla) e Tosca (Vissi d’arte e Lucean le stelle); da Giuseppe Verdi (arie di Un ballo in maschera, Il Trovatore e La forza del destino), al Vesti la giubba de I Pagliacci di Leoncavallo. Ritorna il romanticismo di Puccini con Un bel dì vedremo dalla Butterfly; omaggio al grande tarantino Mario Costa con la sua celeberrima Era de maggio; per concludere con l’inno all’Eucarestia, il Panis Angelicus di César Franck.

All’incontro - che si terrà a partire dalle ore 19,15 in Duomo - presenzieranno il Luogotenente per l’Italia Meridionale Adriatica, S.E. Cav. Gr.Cr. dott. Rocco Saltino, e l’Arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro, Priore della Sezione.

 

Antonio Biella

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

© Copyright 2016 | Tutti i diritti riservati | Blufree

Questo giornale telematico è diffuso ai sensi della Legge 62/2001 e in ossequio alla sentenza 23230/2012 della Corte di Cassazione, III sezione penale