Venerdi 15 Aprile, I Templari del P.T.H.M della Terra dei Messapi, Nostra Signora di Costantinopoli e Militia Christi, hanno partecipato alla solenne processione, in cui si rievoca la morte di Gesù Cristo per la salvezza del mondo intero. I Cavalieri, come nel passato, sono stati messi a guardia di Cristo morto. Quasi a protezione dei fedeli (circa un migliaio) che accompagnavano le statue nelle vie della città, tutti in religioso silenzio, a riflessione del grande dono ricevuto dal figlio di Dio fatto uomo per noi e morto sulla croce, silenzio rotto dalla musica della banda cittadina che intonava le marce funebri, e dal ritmare della troccola. Un lento procedere, con soste dinanzi alle tante chiese cittadine, in preghiera, a ringraziare Gesù Cristo, morto per la nostra redenzione. Tristezza nei nostri cuori, mitigata dal sapere che comunque e risorto, e ci ha da allora, tramite la sua adorata mamma, a pregare per l’umanità intera, per il nostro vicino, per chi soffre, per chi è diverso, per chi è ammalato. Specialmente per i cristiani che soffrono che quotidianamente, vengono uccisi in nome di una religione, e perché non distolga i suoi occhi da noi peccatori. Questo poi è lo scopo dei Templari, essere solidali con chi ha bisogno , con chi soffre, e continueremo a farlo con la nostra presenza, con la nostra preghiera rivolta a l’umanità intera.
Si ringrazia il parroco della Chiesa SS. Trinità, don Franco Di Noi, per aver permesso ai Templari di partecipare alla processione dei Misteri
Gianfranco Maffucci

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

© Copyright 2016 | Tutti i diritti riservati | Blufree

Questo giornale telematico è diffuso ai sensi della Legge 62/2001 e in ossequio alla sentenza 23230/2012 della Corte di Cassazione, III sezione penale