EX ILVA, Perrini: Non facciamo diventare la vertenza una guerra fra poveri, le istituzioni si ricordino dei lavoratori dell’indotto

Condividi questo articolo:

Dichiarazione del consigliere regionale tarantino di Fratelli d’Italia, Renato Perrini

 

 

“L’ex Ilva rischia di innescare una guerra fra poveri senza precedenti. In queste ore, giustamente, si stanno concentrando tutte le attenzioni e le preoccupazioni sugli oltre 10mila lavoratori direttamente dipendenti, tutti sono preoccupati di assicurare loro una continuità occupazionale. I lavoratori dell’indotto, invece, vengono considerati di Serie B, come se fosse scontato che il loro destino sia irreversibile. Non solo, ma le Istituzioni si sono dimenticate anche delle aziende dell’indotto, di chi potrebbe continuare a garantire il lavoro a 5/6mila addetti. Queste nel silenzio più totale, nell’ultimo anno, hanno perso molte commesse perché l’Arcelor Mittal ha spesso preferito aziende di riferimento e del Nord, senza neppure saldare i crediti che queste vantano. Su questa problematica avevo personalmente chiesto un’audizione con i vertici del siderurgico; l’audizione è avvenuta non più di un mese fa, ma senza nessun esito e oggi appare fin troppo chiaro il motivo: Arcelor Mittal stava già pensando di abbandonare Taranto.

“Ieri il premier Conte ha convocato a Roma il presidente della Regione, Emiliano, e il sindaco di Taranto, Melucci. La mia speranza è che le due principali istituzioni locali possano difendere il territorio e i loro cittadini a 360 gradi non dimenticando proprio coloro che sono meno garantiti”.

 

7 novembre 2019