LATTE ALLA DIOSSINA, PERRINI: I VALORI SONO NELLA NORMA? SI’ MA DELLE CITTA’ INDUSTRIALIZZATE E INQUINATE. CERTO NIENTE ALLARMISMI, MA NEPPURE SOTTOVALUTAZIONI

Condividi questo articolo:

Dichiarazione del consigliere regionale di Direzione Italia, Renato Perrini

“D’accordo non facciamo allarmismi, ma non diciamo neppure che ‘va tutto bene madama la marchesa’. Le donne che allattano a Taranto e Statte hanno una percentuale di diossina (più 28%) nel loro latte superiore a quelle delle altre mamme tarantine e pugliesi.

“Dopo aver visto i dati dello studio realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con il Dipartimento Prevenzione dell’ ASL di Taranto, ho letto che la dottoressa Elena De Felip del Dipartimento Ambiente e Salute dell’Istituto Superiore di sanità, ha sostenuto che la situazione è comunque sotto controllo, che Taranto non fa ‘eccezione’ la situazione è simile a quella riscontrata in studi simili in altre zone industrializzate in Italia.

“Bene, a me non sta bene che le neo mamme tarantine abbiano la stessa diossina nel loro latte delle altre mamme di zone industrializzate. Per le mie concittadine voglio che non ci sia diossina nel latte. Qui mal comune non è mezzo gaudio! Non è che se ci sono altre zone industrializzate e inquinate in Italia questo deve non allarmare i tarantini. Della serie: stiamo male come stanno male altri. No, io voglio che a Taranto si stia bene!

“Per questo, giusto niente allarmismi, per altro detto da un esponente del Movimento 5 Stelle che fino a poco più in campagna elettorale chiedevano la chiusura dell’Ilva mi fa persino ridere… Ma non abbassiamo la guardia e i controlli”.