“VINCERE DA GRANDI”, IL PROGETTO DEL CONI PER IL SOCIALE RITORNA AL QUARTIERE PAOLO VI DI TARANTO

Condividi questo articolo:

Corsi di volley, mini-volley, calcio, calcio a cinque, karate ed appositi percorsi di avviamento motorio e sportivo in tre strutture del quartiere

 

Garantire, a titolo gratuito, un’attività extra-scolastica, sportiva ed educativa ai ragazzi del quartiere Paolo VI,

È ciò che si propone il progetto promosso e realizzato dal CONI per il sociale denominato “Vincere da Grandi”(sostenuto da “Lottomatica”) che dal 2015 aiuta le famiglie meno abbienti in alcuniquartieri della Penisola: Scampia a Napoli, Zen a Palermo, Corviale a Roma, Quarto Oggiaro a Milano, Rosarno in provincia di Reggio Calabria, Porta Palazzo a Torino.

Il quartiere Paolo VIè entrato a far parte della famiglia “Vincere da grandi” già dall’anno scorso con un intervento specifico attraverso la collaborazione con l’A.S.D. Pallavolo FIDAS Taranto.

Il progetto mira a declinare concretamente il principio del “diritto allo sport per tutti” e, allo stesso tempo, a fornire un servizio sociale a ciascuna comunità locale: offrendo – a giovani di età compresa fra i 5 ed i 14 anni che vivono contesti difficili a livello ambientale e non solo – un’esperienza sportiva ed emotiva a tutto tondo presso strutture sportive che si avvalgono di personale qualificato.

Nel 2019, oltre alla riconfermata ASD Pallavolo FIDAS Taranto, ci sono altre due realtà sportive radicate sul territorio che hanno abbracciato con entusiasmo il progetto: l’ASD GS SPORT e l’ASD Okinawa Karate Team Taranto.

La cabina di regia del progetto è composta dal CONI Nazionale attraverso l’Ufficio Strategia e Responsabilità Sociale, dal CONI Puglia e dal CONI Taranto.

Tre le location messe a disposizione degli iscritti, tutte dislocate nel quartiere Paolo VI: la palestra del Plesso scolastico “Falcone”, il Centro Sportivo Paolo VI e la palestra Okinawa.

Attualmente sono 105i ragazzi reclutati all’interno del quartiere che hanno iniziato nel mese di marzo le attività sportive.

I protagonisti – riuniti in gruppi disciplinari – si stanno cimentando nelle attività pomeridiane di volley, mini-volley, calcio, calcio a cinque, karate senza dimenticare appositi percorsi di avviamento motorio e sportivo indicati soprattutto per i più piccoli. Grande l’interesse mostrato dai genitori che seguono passo dopo passo le attività dei loro figli, a dimostrazione della valenza sociale dell’iniziativa. I corsi coprono tutta la settimana, dal lunedì al venerdì.

Al termine delle attività sul campo – che andranno avanti con regolarità in questi mesi – i ragazzi iscritti prenderanno parte anche ad un evento sportivo che si svolgerà sul territorio regionale, a conclusione del progetto.