IL CONSIGLIERE COMUNALE Angelo Di Lena CHIEDE L’ESCLUSIONE DELLA “ECOLOGICA FALZARANO” DALLA GRADUATORIA DELLE IMPRESE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA “UNIONE DEI COMUNI TERRE DEL MARE E DE SOLE”

Condividi questo articolo:

L’impresa beneventana Ecologia Falzarano, che si era classificata seconda nella gara per la gestione intercomunale del servizio rifiuti del comune di Pulsano risulta coinvolta in una indagine della Procura di Benevento, ed è stata esclusa dall’assemblea dei sindaci dell’Aro (Ambito dei rifiuti ottimale) Bari/8, che ha deciso, all’unanimità, la volontà di interrompere il contratto di igiene urbana.

Ne parla il consigliere Angelo Di Lena che ha chiesto l’adozione di analoghi provvedimenti da parte dell’”Unione dei Comuni delle Terre del Mare e del Sole” che si appoggia alla stazione appaltante di “Montedoro “nei confronti della Falzarano:

“Il 16 Marzo la notizia della esclusione della Falzarano dall(Ambito dei rifiuti ottimale) Bari/8,è stata diffusa sul giornale “La Gazzetta”.

L’impresa suddetta ha partecipato anche alla gare di appalto nel comune di Pulsano classificandosi seconda.

Ritengo necessario che sulla scorta di quanto deciso dai comuni dall’assemblea dei sindaci dell’Aro (Ambito dei rifiuti ottimale) Bari/8, che da parte dei “Comuni delle terre del mare e del sole” si interrompa, alla stessa maniera, il rapporto con l’impresa di igiene urbana beneventana Ecologia Falzarano.
Faccio presente che i Sindaci dell’arco barese hanno confermato unanimemente la volontà di risolvere il contratto con la presente ditta, con interruzione che verrà formalizzata dal Rup (responsabile unico del procedimento) nei prossimi giorni.
Tale decisione è stata assunta a seguito di iniziale diffida, cui è seguita una risposta rassicurante da parte dell’impresa campana, ed, infine, un’ultima lettera di contestazione in cui i sindaci hanno definito «insostenibile» la situazione.
Ritengo doveroso che l’”Unione dei comuni delle terre del mare e del sole” si comporti allo stesso modo, aderendo alla decisione dei sindaci Angelo Annese (Monopoli), Pasquale Loiacono (Conversano), Domenico Vitto (Polignano a Mare) e Giuseppe Colonna (Mola di Bari) che non hanno voluto tergiversare oltre e «dopo un attento esame» hanno dato mandato ai tecnici e ai legali della stazione appaltante di preparare tutti gli atti propedeutici alla risoluzione di questo contratto. Alla Falzarano, coinvolta nella indagine della Procura di Benevento, potrà subentrare l’impresa individuata con una gara-ponte oppure la successiva classificata”.