PULSANO-MACABRA UCCISIONE DI UN CANE SUL LITORALE PUBBLICO.

Condividi questo articolo:

IL COMMENTO DEL CONSIGLIERE Angelo Di Lena.

Il 05.03.2019 sulla Marina di Pulsano è stato ritrovato un cane morto ucciso barbaramente. Una scena raccapricciante quella presentatasi ad un residente del Comune di Pulsano con fotografie che ormai stanno facendo il giro d’Italia attraverso tutte le associazioni animaliste da Bolzano a Catania. Ne abbiamo parlato con il consigliere Angelo DI Lena “Quanto è successo è un fatto gravissimo che sta buttando fango su una comunità intera. Per colpa di alcuni mascalzoni Pulsano è finita agli occhi della cronaca in modo molto negativo e questo si riflette sulla credibilità di un paese intero, come sta succedendo ad esempio in Calabria e Sicilia. Voglio ricordare la vicenda del cane Angelo a Sangineto (Cs) cui è stato persino dedicato un bellissimo film, oltre ad una serie di servizi sulle iene che hanno compromesso purtroppo l’immagine di un paese intero come si rischia ora a Pulsano. Basti dire che ne stanno parlando sui social e sui giornali di tutta Italia. Forse qualcuno sta sottovalutando la gravità del fatto. Bisogna trovare assolutamente i colpevoli per ridare credibilità ad un paese intero che suo malgrado si trova oggi nelle cronache negative. Mi rivolgo alle forze dell’ordine affinchè vengano fatte indagini approfondite ed il massimo sforzo come come a Salerno, dove pochi giorni fa è stato assicurato alla giustizia un pazzo sessantacinquenne che aveva impiccato a febbraio il cane di quartiere amato dai bambini. Bisogna assolutamente prendere i delinquenti autori di questo reato ed assicurarli alla giustizia. Il cane è stato ucciso con una violenza disumana da gente senza scrupoli. La carcassa presenta numerose escoriazioni ed in alcuni punti addirittura la pelle è stata completamente strappata. Siamo alla follia. Questo episodio rischia di compromettere l’immagine di serietà e tranquillità della comunità del nostro paese anche dal punto di vista turistico visto che il fatto è avvenuto sulla spiaggia pubblica dove deve esserci controllo costante”.