PRESUNTO BOICOTTAGGIO DELL’AEROPORTO DI TARANTO – GROTTAGLIE, INERENTE AI VOLI PASSEGGERI DI LINEA?

Condividi questo articolo:

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Quesiti e Considerazioni da proporre ai politici locali che rappresentano in sede istituzionale (Camera, Senato, Regione, Provincia e Comuni).

  1. Quanto  costa ai cittadini di Taranto e provincia, la mancata funzione dell’aeroporto di Taranto – Grottaglie, M. Arlotta, per i voli commerciali?
  2. L’aeroporto M. Arlotta può essere al servizio comunitario interregionale per i voli commerciali (Puglia, Basilicata e Calabria)?
  3. L’aeroporto M. Arlotta è stato classificato d’Interesse Nazionale, pur conservando altre vocazioni specifiche, perché non è stato fatto ancora nessun bando per attrarre le compagnie, come più volte espresso pubblicamente dallo stesso Presidente della Regione Puglia?
  4. Come mai,malgrado i 12 milioni destinati per la viabilità nel collegare e raggiungere l’ingresso dell’aeroporto M. Arlotta, non si hanno notizie d’inizio lavori?
  5. Come mai,malgrado i 2 milioni stanziati per il restyling del Terminal Passeggeri all’aeroporto M. Arlotta, ancora non è stato fatto il bando per i lavori?

Potrei farVi tantissime domande sul passato presente e futuro sull’ aeroporto, mi limito a queste per continuare a credere che sia possibile un serio sviluppo aeroportuale, anche per voli commerciali sul nostro aeroporto.

Ciò che è successo due giorni fa a Brindisi, fa comprendere benissimo l’attenzione dei politici brindisini, rivolta al proprio territorio, dove sono stati dirottati 16 voli e 12 sono stati cancellati, rendendo un forte disagio a circa 4 mila passeggeri, il motivo già conosciuto, è stata la mancanza del sistema “de-icing”, in parole brevi, un sistema di sbrinamento ghiaccio che l’aeroporto di Bari, ne é in possesso. Vero che situazioni del genere sono straordinarie (già è successo qualche tempo fa), con l’allerta meteo noto, presumo che doveva esserci un’attenzione maggiore da parte di chi gli compete, nel reperimento del sistema “de-icing”. Comunque, voglio evidenziare l’attenzione del parlamentare brindisino, l’on. D’Attis, che difende a spada tratta un servizio negato/in emergenza agli utenti salentini e non, costretti a utilizzare l’aeroporto di Lamezia Terme (Calabria), o addirittura negato come servizi passeggeri.

Perché non è stato disposta in maniera straordinaria l’apertura dell’aeroporto di Taranto – Grottaglie, come sostituto aeroporto di Brindisi???

Capisco che il Piano Nazionale degli Aeroporti, redatto da ENAC, colloca l’aeroporto di Taranto – Grottaglie nella rete nazionale degli aeroporti per il settore cargo-logistico (probabilmente inesistente) e industriale aeronautica, pertanto viene individuato per vocazione (un aeroporto civile può avere una vocazione?) e funzione come aeroporto destinato al traffico cargo, manutenzioni e industria aeronautica, come Master Plan 2030 approvato con provvedimento del 15 marzo 2016. Mi domando e Vi domando, con la Delibera di Giunta Regionale nr. 1681 del 24.10.2017, con cui la Regione Puglia ha dato mandato ad AdP (Aeroporti di Puglia) di: prevedere un piano economico finanziario finalizzato ad allocare specifiche risorse di, uomini e mezzi per rendere pienamente operativo lo scalo di Grottaglie e dare necessario impulso alla sua crescita, sia attivando il traffico aereo commerciale che sviluppando la sua vocazione industriale…….

PERCHÉ dobbiamo essere  sacrificati e non avere un sacrosanto diritto?????

Taranto

Cav. Alfredo Luigi CONTI

Presidente Movimento TARANTO, DIRITTO DI VOLARE!