Briciole…….(di Giuseppe Varlaro)

Condividi questo articolo:

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Gira in questi giorni, sempre più prepotentemente, la voce che tutti i giochi o per meglio dire le attrazioni di queste feste, siano state finanziate da i due mostri che abbiamo in corpo , sotto forma di Diossina, ENI e MITTAL. Mi riferisco alla pista di pattinaggio, la ruota panoramica , entrambi in versione “BARBIE” ed ora anche lo sconcerto di Elio e le Storie Tese che si è tenuto, in piazza Maria Immacolata, alla mezza notte del cambio di anno. Non ho nulla contro Elio, alla guida di un complesso di veri musicisti ma molto di nicchia,costato, fra organizzazione e richiesta dei “suonatori” sulle 140.000 euro, ma , tutte queste regalie mi suonano stonate, molto, troppo stonate. Forse alla fine della fiera , furono più apprezzabili le fontanelle del cimitero che Riva regalò alla città di Taranto, almeno furono in tema. Certo mi pare di sentire i Tarantini dire, “ma non vi va bene nulla, non siete mai contenti!”Veramente ho difficoltà a capire come si possano accettare doni Natalizi, da chi ha avvelenato, avvelena, continuerà ad avvelenare l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo,gli alimenti che mangiamo, il cimitero che vediamo avvicinarsi sempre più velocemente, per noi e per i nostri affetti più cari. No , da medico  non posso che proferire queste parole. Briciole, date per ingraziarsi la popolazione e credo, che chiunque le accetti diventi correo, facente parte di un business macabro. Non capisco  come  si possano chiedere, da parte di politici  che a capo di una trentina di gilet jaunes nostrani, agevolazioni sula benzina all’Eni , vista la produzione nostrana , come si dice ora a chilometro zero.Questa non si è mai sentita in dovere, spontaneamente, di dare almeno una pagnotta e non solo le briciole ai Tarentini, avvelenati da anni ed adesso si avvicina a lunghi passi,”TempaRossa”. Si sa , da noi i gilet gialli non funzionano e non funzioneranno mai , in quanto i 3 motti Tarentini , per chi non lo ricordasse, suonano così: Ce me ne futt a me, ci ta face fa’ e addò stè pinse e scusatemi tanto per il mio Tarentino scritto ! A posteriori.alla fine della fiera il flop annunciato del concerto , si è puntualmente verificato, con la presenza di un folto pubblico , di solo 200 persone. Questa ennesima scelta, al di là di chi abbia pagato , mette in evidenza la inadeguata ennesima figurina , da attaccare nell’album, fatta dai nostri capaci amministratori che non smettono di smentirsi , inadeguati a governare una città senza controllo, da 14 anni circa.

Taranto 07/01/2019                                                                                            Giuseppe varlaro