Presepi nel Baglio dell’Isola” dal 18 dicembre in Città Vecchia è più Natale…

Condividi questo articolo:

Presepi nel Baglio dell’Isola” è l’iniziativa voluta dall’associazione del Pittaggio del Baglio realizzata in collaborazione con il Presepe Vivente di Crispiano. La mattina del 17 la presentazione alla stampa nella casa natale di Sant’Egidio e alle 18,30 del 18 dicembre l’inaugurazione nel salone di Palazzo Galeota con l’intervento musicale dell’orchestra “Andrés Segovia” diretta dalla prof.ssa Maria Ivana Oliva. Sempre dal 18 dicembre e fino al 7 gennaio è possibile visitare il percorso di presepe che tocca 15 siti diversi del pittaggio del Baglio in Città Vecchia compresa la casa natale di Sant’Egidio. Il percorso dei presepi che si snoda da via Duomo fino a via Cava sarà indicato da una apposita segnaletica realizzata dai detenuti dalla Casa Circondariale di Taranto. Inoltre in piazzetta Sant’Egidio è già stato installato il presepe monumentale realizzato dall’artista Andrea Indellicati. Sempre nelle medesima piazzetta è in corso di realizzazione l’ecoabete, albero di Natale fatto con bottiglie di plastica riciclate, su iniziativa dell’ISDE Taranto presieduto da Maria Grazie Serra, in collaborazione con Plasticaquà. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Taranto, prevede anche nei giorni 22 dicembre e 5 gennaio il Presepe Vivente di Crispiano, oltre ai manichini in abiti d’epoca sistemati lungo il percorso e ricoverati in esercizi commerciali, botteghe, androni di palazzi e piazzette. Il tutto è stato realizzato anche grazie alla fattiva collaborazione di tanti privati che hanno preso in carico la custodia dei manichini che per anni hanno dato vita al famoso e gettonatissimo presepe nel Vallone di Crispiano. Alla presentazione erano presenti frate Francesco Zecca, presidente dell’associazione Pittagglio del Baglio, Pino Loconte che ha coordinato il tutto con l’individuazione dei siti e la collocazione dei manichini anche in abitazioni private e l’esposizione di numerosi presepi artigianali spalmati lungo il percorso, Pino Lippo Priore della Confraternita di Sant’Egidio, Andrea Indellicati, artista, autore del presepe monumentale, Francesco Simonetti, presidente dell’associazione Palio di Taranto che metterà a disposizione una imbarcazioni del tipo gozzo da sistemare in piazzetta sant’Egidio. Insomma una iniziativa che vede la collaborazione di tanti, tra associazioni e privati, che ha come finalità quella di animare la parte antica e storica di Taranto. Un inizio che negli anni si auspica possa crescere sempre più creando un percorso più ampio sull’Isola e che diventi un appuntamento fisso nell’ambito delle tradizioni tarantine natalizie. “L’invito che rivolgo” ha detto frate Francesco “è diretto a tutti i tarantini e non solo: superate il ponte, al di là del quale c’è tutto un mondo da scoprire con mille sfaccettature e tesori nascosti, luoghi intrisi di storia e di cultura. Quello di quest’anno è un primo passo, con la collaborazione sempre più allargata nei prossimi anni si potrà fare meglio”.