Cannone: Eventi Natalizi-Scarsa programmazione dell’amministrazione

Condividi questo articolo:

Nella mattinata di ieri, 04.12, durante la  commissione “attività produttive”, è intervenuta l’ assessore, nonchè V. Sindaco Valentina Tilgher, per illustrare il programma degli eventi  natalizi 2018/19 per la nostra città.

Mi è sembrato di assistere ad un film già visto.
Il programma sottoposto ai componenti della commissione mi è apparso come quello di una piccola cittadina di provincia e non quello  di una grande e bella città come la nostra, che disperatamente sta cercando di abbandonare la monocultura economica legata all’acciaio per legarsi a quella del turismo.
Vorrei sottolineare alcuni passaggi di questa programmazione.
Tanto per iniziare, a venti giorni dalla nottata 31 p.v. che porta all’anno nuovo non si sa ancora chi sarà l’artista che sarà l’artefice del classico concerto dell’ ultimo dell’ anno che  dovrebbe svolgersi in piazza.
Ci è stato comunicato che fra gli sponsor che hanno contribuito economicamente (sigh!!!) Agli eventi, troviamo Arcelor Mittal con 20/25 mila euro (ancora da definire) ed Eni/Tempa Rossa con  10/20 mila euro (anche  qui ancora da definire) e con 2.000 euro elargiti (ancora sigh!!!) Da ANCE ( Associazione Nazionale Costruttori Edili).
Credo sia assolutamente inutile far notare la “parsimonia” che accompagna questi insediamenti produttivi, che tanto danno hanno provocato e forse provocano ancora, al nostro territorio, nel contribuire ad eventi che mirano a risvegliare dal torpore che ha avviluppato questa città e i suoi cittadini, almeno durante le classiche festività, che dovrebbero invitarci ad invadere le strade cittadine; per non parlare del “generoso” esborso dell’ ANCE  che contribuirà al concerto della vigilia di Natale.
Vorrei, inoltre, soffermarmi sugli eventi che l’ amministrazione sta “spacciando” come sue iniziative, leggo testualmente:
6 Dicembre : Accensione luminarie(sono già accese da diversi giorni);
 30 Dicembre: inaugurazione  Teatro Fusco(evento natalizio?);
dal 15 Dicembre al 15 Febbraio ruota panoramica(a richiesta dei proprietari della ruota abbiamo concesso il suolo pubblico);
 Senza alcuna data sul programma si legge CONFCOMMERCIO (non si è dato nessuna spiegazione perchè non si sa cosa questa Confederazione abbia intenzione di fare, mah!!!);
22 Dicembre esposizione motoveicoli Vespa organizzato dall’ Associazione Vespa Club(altro evento natalizio?!,,);
Ma il massimo si raggiunge quando alla data del 24 Dicembre sul programma si legge “happy hour dalle 17.00 alle 22.00 presso esercizi commerciali (cioè i privati propongono, come ogni anno momenti di aggregazione presso i propri locali commerciali e quindi come attività personale e il comune se ne appropria come sua iniziativa come se avesse collaborato economicamente a tale attività!!!).
Infine vorrei fare qualche piccola considerazione.
Già  lo scorso anno, all’atto della programmazione, avevo proposto che grossa parte del contributo economico, o dell’ amministrazione o degli sponsor, potesse essere utilizzato per il rione Tamburi, per dare la sensazione ai nostri concittadini residenti in quel quartiere, che il Civico Ente e tutti i suoi amministratori, di essere  loro comunque solidali e vicini, in qualche maniera, per regalare un po’ di ristoro al grosso disagio al quale sono costretti da circa sessant’anni. Non fu accolta tale richiesta.
Anche questo anno a tale rione sono state regalate solo briciole.
Infine vorrei portare a conoscenza di tutti che la banda musicale che si esibirà per le strade cittadine, in alcune date è la banda di Crispiano (così come accade  da diversi anni), convenzionata per chiamata diretta; a tale proposito le bande S. Cecilia e Paisiello di Taranto, per alcuni servizi, e altre date  non sono state invitate a partecipare a preventivi od altro così come si evince da un post  pubblicato su Facebook, dal profilo ” Banda S. Cecilia Taranto”.
Da quanto sino ad ora evidenziato, si può facilmente evincere, quanto questa programmazione sia scarsamente rilevante e quanto sia povera di attrattive, per sperare che visitatori, anche della nostra stessa provincia, possano pensare di venire nella nostra città, come sta accadendo in altre realtà, anche più piccole, ma sicuramente più fantasiose, organizzate e con programmazione più vicine alle aspettative dei cittadini.
Sono poche ormai le occasioni per far visitare e risvegliare questa città da un disordine economico che continua a resistere, per permetterci di perderle per  sufficienza e probabilmente per incapacità di chi è stato preposto all’uopo.
La città deve sapere.
Tony Cannone
V. Presidente Consiglio Comunale