Grecia o Spagna….purchè si magna!

Condividi questo articolo:

Scrissi nel dopo elezioni ,molto bene di questo governo giallo verde, intitolando l’articolo “innesto genetico”. Questo perchè finalmente l’Italia dopo 25 anni di Immobilismo che l’hanno portata in macerie , poteva riscattarsi ed iniziare a  riparare le ferite inferte. Inoltre si veniva a creare un vero e proprio laboratorio politico , innestando in un unico tronco, rappresentato dal governo, sia la maggioranza che l’opposizione. Certo che la componente grillina, per la maggior parte , composta da elementi di sinistra, valutata nel 50%, , forte dei voti ottenuti , doveva far la parte del leone ma ha trovato in  Salvini , un politico già strutturato che ha fatto valere maggiormente l’esperienza e l’organizzazione leghista. Astuto è stato fare un contratto di governo con 10 comandamenti da rispettare puntigliosamente. Questo però si è rivelato un boomerang che alla lunga ha rovinato i rapporti fra le due componenti, già precedentemente , logorati in campagna elettorale. Solo la mediazione tra Di Maio e Salvini ha fatto da collante alle due compagini, molto diverse politicamente , comunque unite dal Populismo e Sovranismo. Non hanno pensato però , come era molto prevedibile , che esiste un Populismo di sinistra ed anche uno di destra e che  le due cose non sono , assolutamente compatibili. Assistenziale l’una , più finanziaria l’altra. Dopo queste premesse ho creduto che questo governo potesse durare, ma i 10 comandamenti erano sbagliati nei tempi dell’attuazione. Prima doveva essere fatta la Flat Tax con la riorganizzazione dei centri per il lavoro e poi pensare al sociale , come riforma pensionistica e reddito di cittadinanza. Ma la spropositata utopia Grillina , superiore a  quella ambientalista, non ha mollato , pur sapendo  entrambi che le coperture  non c’erano.Ieri sera la notizia che molte delle riforme presentate , sarebbero slittate nel tempo e corrette.L’Europa , liberista ,a botte di spread aveva vinto il braccio di ferro con il nostro Governo. Quando purtroppo ,si fa una rivoluzione e questa lo era, si deve andare sino in fondo , sino alle estreme conseguenze, anche fisiche e “mani pulite” insegna che le rivoluzioni bianche finiscono con ricreare un “sistema” peggiore del precedente. E’ quello che è successo in Grecia con Tzipras e molto simile in Spagna con Puigdemont anche se in maniera inversa in quanto, il Governatore sperava nell’aiuto Europeo che non è arrivato , perchè comunque ,indipendentista ed identitario. Pur intuendo le casse Italiane vuote , Di Maio e Salvini , non hanno esitato in campagna elettorale del 4 marzo, a fare un sacco di promesse, piene di milioni di miliardi di euro.Lo hanno fatto un po’ tutti i partiti ma questo non giustifica un comportamento meschino e bugiardo, sulla pelle degli Italiani.Credo che si arriverà, non so con quale velocità, a nuove elezioni, ma soprattutto non so con quali compagini politiche. La sinistra dissolta nell’acido, i Grillini con grande perdita di credibilità e la destra che cercherà di raffazzonare un gruppo pseudo unitario , senza oramai ,né capo e né coda, tipico di chi è morto e non se ne é accorto. Con queste premesse, lo spostamento ancora più a destra degli elettori, sarà inevitabile…….

Taranto 27/11/2018                                                                                                 Dr. Giuseppe Varlaro