BONIFICHE TARANTO, PERRINI: FRA COMMISSARIO CORBELLI (RICONFERMATA) E REGIONE PUGLIA E’ TORNATO IL DIALOGO? ALTRIMENTI MOLTI CANTIERI CONTINUANO A ESSERE FERMI!

Condividi questo articolo:

Il consigliere regionale di Direzione Italia/Noi con l’Italia, Renato Perrini, sollecita un’altra audizione in Commissione Ambiente alla presenza della Corbelli, dell’ing. Valenzano e il presidente Emiliano

                 

Il Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, Vera Corbelli, è stata rinconfermata, a fine luglio, nel suo incarico dal Governo nazionale,  perché “in questi 4 anni, ha messo in campo diversi e significativi interventi”. In parte mi sento “responsabile” di questi risultati, visto che la bonifica del mio territorio è stata fra le azioni politiche più significative del mio mandato: con audizioni e interrogazioni ho sollecitato le autorità preposte, prima fra tutte proprio la Corbelli, ad attivarsi perché il percorso di rigenerazione ambientale proseguisse per restituire alla salubrità zone altamente inquinate. Ma perché questo avvenga è necessario che tutte le Istituzioni concorrano insieme al perseguimento dei risultati. Allora mi chiedo: fra la Corbelli e la Regione Puglia, rappresentata dall’ingegner Barbara Valenzano, è tornato il sereno?

La querelle fra le due Istituzioni, a fine giugno, venne a galla proprio in virtù di una mia richiesta di audizione in Commissione Ambiente. Da una parte la Corbelli che rivendicava una serie di risultati e dall’altra la Valenzano che rispediva al mittente gli stessi sostenendo il mancato coinvolgimento della Regione. In quell’occasione sono volate parole grosse e si sono minacciate anche querele…

Proprio per questo motivo ho richiesto al presidente della Commissione Ambiente di un’altra audizione alla presenza, questa volta, non solo della Corbelli e della Valenzano anche del presidente Michele Emiliano, in qualità anche di assessore all’Ambiente, per capire se fra le due Istituzioni è tornato il dialogo nell’interesse di Taranto e per far partire immediatamente i cantieri che sono ancora solo sulla carta.