LE PREOCCUPAZIONI DEL CONSIGLIERE ANGELO DI LENA SULLA SITUAZIONE DELL’ ASILO COCCINELLE DI PULSANO

Condividi questo articolo:
L’asilo Coccinelle è in questi giorni tema caldo di dibattito delle forze politiche pulsanesi.
Le preoccupazioni circa il suo futuro sono rilevanti e si sta cercando di trovare una soluzione che possa permettere di far continuare il proseguimento delle attività.
Su questo argomento il consigliere Angelo Di Lena ha espresso, già in tempi non sospetti, nel 2015 ( In allegato stralcio delibera ) con una interpellanza le sue preoccupazioni già alla precedente amministrazione.
L’argomento sarà oggetto di dibattito del prossimo consiglio comunale essendo stata protocollata la scorsa settimana una interrogazione urgente a risposta orale sul futuro dell’asilo nido comunale Coccinelle. Su questo argomento il consigliere Di Lena è nuovamente intervenuto: “malgrado le rassicurazioni durante il primo Consiglio Comunale, circa la prosecuzione del servizio del Nido Coccinelle, c’è in paese qualche preoccupazione poichè l’orario, il personale e gli utenti del Nido sono stati ridotti. Il Nido Coccinelle, ha accolto, fino al 30 giugno scorso, giorno in cui è scaduto il contratto con la cooperativa che gestisce il servizio, un’utenza di 60 bambini e impiegava n.1 coordinatrice, 4 ausiliarie e 10 educatrici, in orario che andava dalle 7.00 alle 16.00. Oggi si è adottata una “soluzione tampone” che ha prorogato il servizio per il mese di Luglio con queste modifiche. Le difficoltà economiche dell’Ente Comunale nella scorsa legislatura non hanno inciso perché l’allora l’assessore Ficocelli era riuscito a garantire il servizio di Asilo, attraverso la presentazione al Ministero dell’Interno (Programma Nazionale Servizi di Cura rivolti alla Prima Infanzia) di un progetto destinatario dei fondi PAC (Piano di Azione per la Coesione) consentendo di non utilizzare fondi di bilancio comunale.
Ma si sapeva che questi fondi erano a termine. Appare necessario quindi trovare soluzioni per consentire la prosecuzione delle attività dell’asilo facendo quadrare il bilancio e l’auspicio è che questa soluzione venga trovata in tempi brevi.”