OPERAZIONE TRASPARENZA AMIU CONTINUA – Di seguito la replica di Giampaolo Vietri capogruppo FI

Condividi questo articolo:

E’ doveroso da parte mia replicare alle dichiarazioni dell’assessore Motolese rese a seguito della richiesta da me avanzata di pubblicazione da parte dell’Amiu di tutti i dati previsti dalla legge sulla trasparenza. Provo intanto meraviglia nell’ apprendere che l’attività di pubblicazione dei dati era già stata avviata dall’assessore quando, nella seduta del 20 marzo scorso, chiedevo in consiglio comunale al sindaco e a Motolese di sapere perché sul sito dell’Amiu non erano pubblicati gli incarichi affidati all’esterno dall’azienda ed entrambi rimanevano in silenzio, nonostante venissero anche sollecitati ad esprimersi. L’assessore sostiene inoltre che i ritardi di pubblicazione, ben quattordici mesi, sono dovuti “a causa di difficoltà organizzative, e non certo per espressa negligenza”, ma non vi è nulla di più falso in quanto l’Amiu si era ben organizzata in merito spendendo altro denaro dei contribuenti. Infatti, l’azienda non solo aveva nominato un suo dirigente “responsabile alla trasparenza” ma, come se non bastasse, aveva anche affidato all’esterno già da un anno un altro incarico per “diretta collaborazione in relazione alle attività del Responsabile per la prevenzione corruzione e la trasparenza”. Un incarico a 1.400 euro al mese per due anni a spese dei tarantini senza che comunque si rispetti ciò che la legge prescrive. Se oltre le figure aziendali l’Amiu ingaggia anche collaboratori a pagamento e i dati non sono pubblicati non siamo dinnanzi ad espressa negligenza??? Sono proprio queste le situazioni che per i cittadini sono inaccettabili e che vogliamo far emergere; è evidente che l’assessore Motolese interviene non conoscendo neanche questi fatti, dimostrandosi inadeguato. Lascio ai tarantini il compito di tirare le conclusioni e comprendere in che mani siamo finiti. Noi consiglieri di minoranza continueremo a pretendere che i cittadini sappiano come è speso il denaro pubblico e a raccontare come è gestita la città, specie se gestita in questo modo.
Giampaolo Vietri