A chi affida l’Amiu incarichi di collaborazione, di consulenza ed incarichi professionali

Condividi questo articolo:

A chi affida l’Amiu incarichi di collaborazione, di consulenza ed incarichi professionali compresi quelli arbitrali? Lo dobbiamo sapere! …e questa domanda ho posto in consiglio comunale in quanto la legge 33/2013 obbliga le società partecipate a pubblicare tutto in una apposita sezione dei propri siti internet definita “società trasparente”. Informazioni che l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha specificato devono essere rese accessibili a chiunque tempestivamente, in costante aggiornamento, complete, comprensibili, favorendo al massimo la semplicità di consultazione e di accessibilità. La pubblicazione degli incarichi esterni deve avvenire entro trenta giorni dall’adozione degli atti di affidamento e permanere sul sito per i due anni successivi alla loro cessazione. Sul sito dell’Amiu, però, nell’apposita sottosezione, prevista per legge, denominata “consulenti e collaborati” gli unici dati che siamo riusciti a trovare sono fermi al gennaio 2017 cioè vecchi di quattordici mesi. Per questo ho chiesto in consiglio comunale al sindaco di avviare una verifica per sapere se tali informazioni sono o meno pubblicate visto che non sono disponibili nell’apposita sezione dedicata all’interno del sito dell’azienda anche per, eventualmente, indicare in modo più immediato ai cittadini, se ci sono, dove sono reperibili! Se, invece, si dovesse riscontrare la mancata pubblicazione prevista di atti, abbiamo sollecitato il sindaco affinché intervenga assumendo provvedimenti disciplinari nei confronti del responsabile alla trasparenza dell’azienda. La legge prevede infatti che la pubblicazione delle informazioni previste relativamente ad incarichi per i quali è stabilito un compenso, è condizione di efficacia per il pagamento stesso della prestazione stabilendo che in caso di omessa o parziale pubblicazione, il soggetto responsabile della pubblicazione degli atti e colui che ha effettuato il pagamento sono soggetti ad una sanzione pari alla somma corrisposta per la prestazione liquidata. I cittadini devono sapere tutto; nomi, cognomi e curriculum di chi riceve gli incarichi, gli estremi degli atti di conferimento degli stessi da cui è possibile evincere la ragione, la durata e i compensi delle prestazioni fornite. I cittadini devono capire cosa succede all’Amiu in modo trasparente, istante per istante, come prevede la legge, per sapere così come viene speso il denaro pubblico all’interno dell’azienda.
Giampaolo Vietri Consigliere Comunale Forza Italia