Biella FI:Riflessioni su mostra del Carmine

Condividi questo articolo:

L’iniziativa dell’Arciconfraternita del Carmine di portare una meravigliosa mostra di arte sacra e devozione popolare nella nostra città e nella chiesa simbolo della nostra tradizione, è meritevole di elogi ma anche di ulteriori riflessioni. La mostra “Facies Passionis – i volti della Passione” ha fatto registrare ben diecimila visitatori certificati da un puntuale rilascio di tagliandini numerati (la diligenza dei confratelli è proverbiale) ad ogni ingresso. Numeri giustificati dalla straordinaria bellezza dei simulacri venerati dalle comunità di tutta la Puglia, ma anche dal valore profondo della devozione per questi “Vangeli visivi”, nonché artistico perché datati dal ‘600 sino ai primi del ‘900 e di autori celebri.
Corale è stata, certamente, la partecipazione dei tarantini, che in ogni caso hanno dato una non consueta animazione al Borgo; ma in quei diecimila visitatori dobbiamo leggere anche il grande flusso di confratelli o semplici cittadini di tutta la Puglia pervenuti a Taranto in occasione di questa mostra. Centinaia di visitatori che hanno visitato anche le vie del “salotto cittadino”, i posti di ristoro, e anche alberghi e bed&breakfast (gli accompagnatori delle statue forestiere hanno giocoforza soggiornato in città nei quattro giorni).
Facciamo rilevare tutto questo perché il Direttivo cittadino di Forza Italia Taranto, fra le varie problematiche, sta affrontando prioritariamente quello dello sviluppo di un settore mortificato come il turismo e il commercio: il secondo molto dipendente dal primo. Attività queste che non possono più essere affidate a sogni irreali di sfruttamento turistico di scogli occupati da costruzioni abusive; di zone “turistiche” trasformate in vicoli dove non si può neanche parcheggiare e a volte è difficile persino transitare; di strutture di turismo campeggistico perennemente occupate da “stanziali” e in cui non c’è posto per chi è di passaggio.
Crediamo, invece – dalla nostra ottica chel’Arciconfraternita,intelligentemente
guidata, ha indicato con questa iniziativa una direzione che a noi sembra quella più giusta: la via della cultura, della tradizione, delle radici.
La strada giusta è quella di creare sempre più occasioni perché Taranto –
senza trascurare interazione con le preziose realtà della sua provincia – si proponga come città e territorio attraente.
E’ evidente che in tanti debbano fare la propria parte, a partire dalle istituzioni (senza vacui trionfalismi) e da tutti gli organismi della società, non esclusi i partiti. Forza Italia, indipendentemente dalla campagna elettorale, proprio in questi giorni sta proseguendo il suo lavoro di studio della realtà e di ricerca delle soluzioni per il bene comune.

Antonio Biella
Coordinatore cittadino Forza Italia – Taranto